2023 Tutti i diritti riservati - L'Œil de la Photographie
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Roger Vulliez
Claude Nori 1975
Parigi 1972 © Hervé GLoaguen
Basilea. 1975 © Christian Kempf
Parigi 1976 © Christian Sarramon
California. 1974 © Bernard Plossu
Xerografia.1974 © Nicole Metayer
Dieppe 1977 © Pierre Legal
Eddie Kuligowski 1975
LA SOVRANITÀ DEGLI ANNI '70 di Coline Olsina
Al volgere degli anni Settanta, una nuova generazione di fotografi ha dato vita alla fotografia. Laboratorio di una vasta gamma di esperimenti sovversivi, questa nuova fotografia traeva ispirazione dalle principali correnti di pensiero che permeavano la società, come il nuovo romanzo, la psicoanalisi, la liberazione sessuale e la cultura alternativa. Essenzialmente parte di una dinamica europea e nordamericana, è emersa come un mezzo espressivo capace di mettere in discussione i problemi della società e di liberare l'immaginazione interiore di chi la praticava.
Ha beneficiato di progressi tecnologici che hanno permesso una maggiore flessibilità d'uso e aperto nuovi orizzonti, adatti a metamorfosi, trasgressioni fantastiche, teatralità e ossessioni formali. I creatori hanno interrogato la fotografia dall'interno, cercando di comprenderne la specificità o praticandola come filosofia di vita. Altri ancora, nell'arte contemporanea, l'hanno messa in discussione ponendola al centro dei loro interessi. Alcuni giovani reporter hanno affermato di essere autori a pieno titolo, esprimendo le loro opinioni nella stampa rivitalizzata.
La fotografia ha gradualmente permeato l'intera società e ha iniziato a rivoluzionare tutte le arti. Una nuova ondata di creatori appassionati e inventivi, con le loro abitudini e i loro luoghi di incontro, ebbe il suo momento di riconoscimento effimero e contribuì a suo modo a rendere una pratica artistica accessibile al maggior numero di persone possibile. Altri, più rari, hanno costruito un corpo di opere che li ha affermati in un nuovo mercato strutturato intorno a gallerie e musei.
Nel giro di una decina d'anni, la fotografia è diventata il contrappunto ideale all'elitarismo dell'arte, creando senza dubbio l'illusione di una pratica accessibile a tutti, a un pubblico popolare, giovane e festoso che incantava le folle, a differenza dell'arte contemporanea, che conservava l'immagine di una forma d'arte inaccessibile.
Questo decennio, che ha gettato le basi della fotografia come la conosciamo oggi, non è mai stato analizzato come un momento chiave nella storia della fotografia francese. L'obiettivo è quello di ricreare il tono e la libertà del periodo, durante il quale correnti e tendenze diverse, spesso opposte, sono esplose in una sorta di spettacolo pirotecnico libero e creativo che non si è mai più ripetuto.
Coline Olsina
  
CON E SENZA SCUOLA di Hervé le Goff
La maggior parte di loro era nata in una pace ritrovata ed era cresciuta senza rendersi conto che loro e i loro rispettati anziani stavano vivendo un periodo piuttosto prospero che sarebbe stato ricordato come l'unico "Trente Glorieuses". I tumulti del 1968 hanno insegnato loro che, con la sua secolare struttura verticale, la trasmissione del sapere meritava di essere messa in discussione, così come il regime della Quinta Repubblica, affaticato da undici anni di una figura personale al potere. Crescendo, hanno cavalcato l'onda della Primavera europea del 1968, si sono uniti ai festival pop, hanno manifestato contro la guerra americana in Vietnam, si sono passati i testi di Wilhelm Reich e del duo Deleuze-Guattari, hanno citato Roland per Barthes e hanno seguito una moda che imponeva capelli lunghi ai ragazzi, tuniche e perle alle ragazze, velluto e fiori per tutti. Hanno anche ascoltato il discorso di una sessualità aperta e felice, radicalizzato dall'arrivo del Front homosexuel d'action révolutionnaire e dalle sue assemblee generali del giovedì sera all'Ecole des Beaux-Arts. In breve, facevano parte di questo decennio di tutto ciò che è possibile, guidato dalla cultura pop, cullato dagli LP in vinile con le deliranti copertine dei gruppi ascoltati in loop al profumo di sandalo e patchouli, a volte mentre si scendeva da un viaggio, fondato sull'idea sempre viva dell'emancipazione del vecchio mondo, che all'epoca temeva solo l'apocalisse nucleare di una guerra fredda, i sintomi del cancro o la punizione della sifilide.
In mezzo a questa effervescenza esistenziale, che aveva tutta l'aria di una rivincita sulla tenuta della scuola, della famiglia e del pudore, la fotografia si faceva strada presso un pubblico giovane, certamente sensibile all'opera di maestri come Cartier-Bresson e Doisneau, Ma attirava anche nuovi modelli dagli studi di moda, dai reportage di guerra e dalla stampa delle celebrità, da un intero pantheon di immagini fisse che comprendeva l'ineffabile David Hemmings, l'improvvisato fotografo voyeur di Blow Up di Antonioni. Sono scomparse le figure esperte del padre con il cavalletto o dello zio ai comandi della Kodak Vest Pocket con soffietto: L'arrivo delle macchine fotografiche giapponesi, un'alternativa economica alle ancora costose Zeiss e Leica tedesche, esaudì il desiderio di una generazione più giovane di dedicarsi alla fotografia come mezzo per esprimersi e persino esistere, senza sempre sapere che la propria Nikon o Canon li stava risvegliando, Quarant'anni dopo, e in modi diversi, l'impulso della nuova fotografia, con i suoi nuovi maestri, la maggior parte dei quali provenienti dall'Europa dell'Est, stimolati dall'apertura di gallerie dedicate e dalla nascita di una stampa specializzata, stava chiudendo il libro del pittorialismo. Dopo il successo di Photo, pubblicato dalle Edizioni Filipacchi, Photo Magazine, Zoom, Photo Reporter e Contrejour si affiancarono al mensile Le Photographe, che veniva pubblicato da sessant'anni, da quando era stato fondato nel 1910 dall'editore Paul Montel.
Hervé le Goff
 
70′ NUOVA FOTOGRAFIA FRANCESE
Retroilluminazione
Carole Naggar, Coline Olsina, Hervé Le Goff e Claude Nori
Formato: 24 x 31 cm
244 pagine, cartonato
ISBN: 979-10-90294-52-3
Prezzo : 40 euro
https://www.editions-contrejour.com/project/nouvelle-photographie-francaise-70/
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
Abbonatevi per avere accesso completo a L'Œil de la Photographie! Migliaia di immagini e articoli che documentano la storia della fotografia e la sua evoluzione negli ultimi decenni, attraverso un quotidiano unico nel suo genere.
per continuare a migliorare la nostra rivista indipendente o per fare un bellissimo regalo a una persona cara (a partire da 5 euro per un abbonamento mensile e 50 euro per un abbonamento annuale).
PS: per i regali, inviateci l'email del fortunato vincitore a info[at]loeildelaphotographie.com
Ogni giorno, notizie fotografiche ed eventi di attualità gratuiti in tutto il mondo.

Ogni giorno, notizie fotografiche ed eventi di attualità gratuiti in tutto il mondo.

 




2023 Tutti i diritti riservati - L'Œil de la Photographie

fonte

Categorizzato in: